Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma: vecchio e nuovo a confronto

Domenica di pioggia a Roma e allora per non stare in casa tutto il giorno si va alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna. La Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma (GNAM) è la più grande collezione di arte contemporanea italiana. Situata vicino a Villa Borghese, possiede oltre 4.400 opere di pittura e scultura e oltre 13.000 disegni e stampe di artisti – prevalentemente italiani – dell’Ottocento e del Novecento. Nelle sue 55 sale è possibile vedere i capolavori della collezione, circa 1.100 opere. >Continua…

Capodanno a Roma

[et_pb_section bb_built=”1″ admin_label=”section”][et_pb_row admin_label=”row”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_text admin_label=”Testo”]

cap04pp
A Roma per salutare il nuovo anno: un giorno speciale ed unico al mondo, 24 ore consecutive di eventi straordinari, che i cittadini ed i turisti non dimenticheranno (cliccare qui).

>Continua…

Un museo per incontrarsi: Louisiana Museum of Modern Art

louis06
Louisiana Museum of Modern Art è uno dei più importanti musei internazionali dedicati all’arte moderna e contemporanea e rappresenta un elegante equilibrio tra paesaggio, architettura, arte, in un’interazione che attrae visitatori da tutto il mondo per incontrarsi e vivere un’esperienza.

>Continua…

Vedi Napoli e poi ci ritorni

na26p

In uno splendido sabato di sole scegliamo Napoli come meta rigenerante per concederci una breve gita fuori dal quotidiano. Si parte dalla stazione Termini di Roma con biglietti business class Frecciarossa a soli 22 euro, acquistati qualche giorno prima. Dopo appena un’ora e 10 minuti siamo nella stazione centrale di Napoli dove con un biglietto metro di un euro saliamo sulla metropolitana in direzione Toledo. Sorprendente vedere una stazione metropolitana così bella, curata e pulita.

>Continua…

Castel Gandolfo: apre al pubblico la villa estiva dei Papi

g08p
Le ragioni per visitare la residenza papale di Castel Gandolfo (che si trova nella città metropolitana di Roma Capitale) sono molte: sontuosi giardini, stanze colme d’arte e una vista mozzafiato sul lago di Albano. Dal 22 di ottobre, ogni giorno dal lunedì al sabato, se ne aggiunge una nuova, cioè la possibilità di entrare liberamente nell’appartamento pontificio. Papa Francesco I, infatti, dopo aver rinunciato a vivere nell’appartamento in Vaticano, ha deciso di fare a meno anche dei suoi appartamenti in Castel Gandolfo, quelli storicamente utilizzati dai papi come residenza estiva. Per sua espressa volontà, le stanze papali sono state trasformate in un museo e possono essere visitate dal pubblico insieme ai giardini di Villa Barberini e a parte del Palazzo Apostolico (aperti ai turisti dal 2014, sempre per volere di Bergoglio; cliccare qui).  >Continua…

« Pagina precedentePagina successiva »