Gesù Cristo e spot Ps

gesups.jpg

Ecco gli spot della discordia ralizzati dalla regista Katia Simmi: sono due, da 30 e 15 secondi rispettivamente, che il Partito socialista diffonde tramite i circuiti televisivi locali a partire dal 29 marzo (opportunamente dopo Pasqua), per le ultime due settimane di campagna elettorale. Protagonista, Gesu’ Cristo. “E’ lui il primo socialista della storia. E’ lui il simbolo della speranza per gli uomini. Chiudi il cerchio. Ora vota socialista”, recita la voce fuori campo mentre scorrono immagini della figura di Gesu’, con citazioni dal ‘Vangelo secondo Matteo’ di Pier Paolo Pasolini, da ‘Jesus Christ Superstar” di Norman Jewison e da ‘Sette chilometri da Gerusalemme’ di Claudio Mapalaponti. In sottofondo l’Internazionale in versione elettronica (alla maniera di Jimi Hendrix) del gruppo militante degli Area.

Gesù negli spot del Partito Socialista. Il primo socialista della storia.

“Noi siamo piccoli ma ci noteranno”, parafrasando un vecchio refrain, sembra essere questo lo slogan che Enrico Boselli sta seguendo. Sì, ce l’ha sta mettendo tutta per non passare inosservato. Qualche settimana fa ha inaugurato la moda dell’abbandono dello studio tv (a Porta a porta). Contemporaneamente aveva lanciato una campagna aggressiva, cruda, quasi sempre controcorrente: “Sono pensionato e sono incazzato”, dicono i cartelloni pubblicitari col garofano.
Ora l’ultima trovata: l’arruolamento niente meno che di Gesù Cristo. Perché: “È lui il primo socialista”. Un messaggio che, piaccia o no, di sicuro fa discutere. e che si è già tirato addosso gli anatemi di varie parti politiche, in quella che Boselli ha definito una “censura preventiva, astiosa e violenta”. Noi colleghiamo i nostri principi a quelli dell’umanesimo cristiano. E già nel ‘46 i socialisti fecero dell’effigie di Gesù un simbolo della campagna elettorale”.
In effetti nei documenti storici del socialismo italiano l’immagine di Gesù è presente ancor prima che il movimento si costituisse come partito, nel 1892. Infatti in un sito web di vecchi canti socialisti è possibile leggere il testo poetico composto nel 1876 da Giacinto Stivanelli: “A Gesù Nazzareno primo martire del socialismo”.
E comunque, il movimento socialista, ha aggiunto Boselli, “nasce per difendere i più deboli e il Cristianesimo ha fatto la stessa cosa. Qualcuno dice che questo messaggio è in contraddizione con le nostre precedenti prese di posizione? Noi abbiamo criticato i vertici ecclesiastici quando non condividevamo alcune loro scelte, non abbiamo mai criticato una fede o una religione”.
Forse anche per questo spot del Partito socialista vale il detto del grande timoniere cinese Mao: “Non importa di quale colore è il gatto, l’importante è che acchiappi i topi”. Riuscirà Boselli, avendo “arruolato” Gesù, nel miracolo di “acchiappare” gli elettori e moltiplicare i suoi voti?

3 Comments so far

  1. Iqbal on luglio 11th, 2014

    My thoughts extlcay about Alberto and Munoz. Keeping Caceres probably would have been good for at least two additional victories to this point.You have to wonder what the thinking is at Boca these days. Who’s in charge of personnel decisions ? How much of what Alves decides is actually management directed ? The starting eleven and alot of the substitutions have been very hard to figure. Paletta was horrible a few weeks ago, but could he be any worse than Alberto ? Same for Munoz. Why isn’t Insua getting more time ? Can’t go 90 ? I don’t know. At fullback, it seems Ibarra is no longer part of the team, which is OK with me, but Monzon is a waste of time in my book and Morel seems thinly motivated. Why not a little time for Krupoviesa ? I suppose he is a defensive liability, but near the end of a match when Boca is behind, he is a big upgrade over either Morel or Monzon.Oops, better stop ! I could go on and on. Suffice to say, Boca is in shambles at the moment from top to bottom, and you have to wonder how many people in management have a clue.

  2. Saanchitha on febbraio 20th, 2015

    Agreed with many of those posing qsioteuns, which could, like you say, go on and on. One I’d add in there regarding Ibarra would be as to why Gunino hasn’t been given a shot at full-back. Another talented kid who, surely, couldn’t do much worse than those playing in front of him.I think one of the obvious problems at Boca right now is that the coaching is poor. Boca do actually have some good elder players and some great youngsters coming through, but it seems apparent to me that they are being coached poorly. And then when the (wrong) players are being sent on to the pitch, they’re not being instructed the right things to do.It would take a firm hand to sort it all out to be honest.

  3. Katy on aprile 6th, 2015

    pelo menos um gol do Estudiantes saire1 em cobrane7a de falta de Verf3n. Trata-se do gol mais mndjaao do futebol, que sf3 equipes treinadas por Abel Braga se3o capazes de aceitar. Como piada vale, mas quem levou gol de bola parada do Estudiantes foi uma treinada (?) por Adenor Bacchi. Estranho que a Globo ainda ne3o fez 48025 mate9rias dizendo que “Adedlson pode ser o primeiro a ser campee3o como atleta e como treinador”, assim como fizeram ano passado com o Renato. Ne3o fez porque estaria errado. Nery Pumpido je1 foi campee3o como jogador e como treinador do Olimpia (um abrae7o, liderane7a!) e he1 mais uma pessoa, mas a memf3ria ne3o me ajuda e ne3o tenho tempo de procurar no Se3o Google.

Lascia un commento