Centenario dell’8 marzo?

festadonna.png
International Women’s Day 8 March 2008
Per commemorare il centenario dell’8 marzo? L’otto da cent’anni (e non è un refuso!).
Buon 8 marzo
a tutte le donne che ogni giorno urlano in silenzio
a quelle che non possono vivere la propria femminilità
alle donne che dedicano la loro vita alla famiglia e alla cura degli altri
alle donne intrappolate dai preconcetti e dalle ipocrisie.
Auguro Buon 8 Marzo e ricordo che niente vi impedirà mai di essere libere di pensare e di provare le vostre emozioni.
La Giornata Internazionale della Donna, comunemente definita Festa della Donna è un giorno di celebrazione per le conquiste sociali, politiche ed economiche delle donne ed è una festività internazionale celebrata in diversi paesi del mondo occidentale l’8 marzo. L’usanza di regalare mimose in occasione della festa non è invece diffusa ovunque. L’8 marzo era originariamente una giornata di lotta, specialmente nell’ambito delle associazioni femministe: il simbolo delle vessazioni che la donna ha dovuto subire nel corso dei secoli. Tuttavia nel corso degli anni il vero significato di questa ricorrenza è andato un po’ sfumando, lasciando il posto ad una ricorrenza caratterizzata anche – se non soprattutto – da connotati di carattere commerciale e politico.

donne2.jpg
L’origine della festività è molto controversa. Una possibilità è che la sua istituzione risalga al 1910 nel corso della II Conferenza dell’Internazionale Socialista svoltasi a Copenaghen nella Folkets Hus (Casa del popolo) chiamata poi “Ungdomshuset”. Sarebbe di Clara Zetkin la proposta di dedicare questo giorno alle donne. Alcune femministe italiane (Irene Giacobbe, Tilde Capomazza, Marisa Ombra) sostengono tuttavia che non c’è nessuna prova documentata a supportare questa ipotesi. Il movimento operaio e socialista di inizio secolo ha celebrato in date molto diverse giornate dedicate ai diritti delle donne e al suffragio femminile. L’unica data certa è l’8 marzo 1917 quando le operaie di Pietroburgo (Russia) manifestarono contro la guerra e la penuria di cibo (nell’ambito della rivoluzione di febbraio). Le autrici citate ipotizzano che per rendere più universale e meno caratterizzato politicamente il significato della ricorrenza, si preferì omettere il richiamo alla Rivoluzione russa ricollegandosi ad un episodio non reale, ma verosimile, della storia del movimento operaio degli Stati Uniti d’America.
girotondonavona.jpg
La leggenda della fabbrica Cotton
In Italia è molto diffusa una storia che fa risalire l’origine della festa ad un grave incidente avvenuto negli Stati uniti, l’incendio dell’industria tessile Cotton. Questa storia è un falso storico accertato che fu elaborato dalla stampa comunista ai tempi della guerra fredda ma in Italia recentemente è stata riportata come la vera origine della festa della donna dai telegiornali creando così una “leggenda”.
Secondo questa storia nel 1908 a New York, alcuni giorni prima dell’8 marzo, le operaie dell’industria tessile Cotton iniziarono a scioperare per protestare contro le condizioni in cui erano costrette a lavorare. Lo sciopero proseguì per diversi giorni finché l’8 marzo Mr. Johnson, il proprietario della fabbrica, bloccò tutte le vie di uscita. Poi allo stabilimento venne appiccato il fuoco (alcune fonti parlano di un incendio accidentale). Le 129 operaie prigioniere all’interno non ebbero scampo.
Effettivamente non esiste alcun tipo di prova e documento che affermi l’esistenza di un fatto storico che confermi l’episodio delle oltre 129 donne bruciate vive in un incendio di una fabbrica dal proprietario perchè le donne erano scese in sciopero.
Questa storia prende spunto da un reale fatto di cronaca, un incendio avvenuto nel 1911 (quindi dopo, e non prima della tradizionale data di nascita della festa, il 1910), a New York, nella Triangle Shirtwaist Company. Le lavoratrici non erano in sciopero, ma erano state protagoniste di una importante mobilitazione, durata quattro mesi, nel 1909. L’incendio, per quanto le condizioni di sicurezza del luogo di lavoro abbiano contribuito non poco al disastro, non fu doloso. Le vittime furono oltre 140, ma non furono tutte donne, anche se per il tipo di fabbrica erano la maggior parte. I proprietari della fabbrica si chiamavano Max Blanck e Isaac Harris, vennero prosciolti nel processo penale ma persero una causa civile. Ma soprattutto l’8 Marzo non ha nulla a che fare né con lo sciopero (iniziò il 22 Novembre) né con l’incendio (avvenne il 25 Marzo).
La versione comunista fu riportata in Italia Nel 1952 da “La lotta”, settimanale edito dalla sezione bolognese del Partito Comunista Italiano. L’Unione Donne Italiane distribuì nello stesso anno alle iscritte libretti con un resoconto dell’incendio di New York. Nel 1954 Il Lavoro, settimanale della Cgil aggiunse un fotomontaggio di Mr. Johnson con la bombetta che si fa largo tra la massa di donne tenute dalla polizia.
In Italia, nel secondo dopoguerra, la giornata internazionale della donna fu ripresa e rilanciata dall’UDI (Unione Donne Italiane) associando nel contempo alla data dell’8 marzo l’ormai tradizionale fiore della mimosa.
mimosa.gif
Si parla tanto delle meraviglie del mondo… quadri… statue… ma la vera e unica meraviglia del mondo sono le donne!
Dedico questo post a tutte le donne ma sopratutto a una … colei che sa del mio amore…!
Festa della Donna: Giustamente anche le donne hanno la loro festa annuale. E in questi casi non sono da meno degli uomini……

Cosa pensa Omen della festa della donna

Ah, e se avete delle rivendicazioni da fare, scrivetele qui sotto tra i commenti!
Sono felice di essere donna perchè… Alcune risposte di ragazze liceali:
“donna è vita, dà vita, sogna la vita”
“una donna si rialza sempre”
“un giorno sarò nonna”
forza formulate altre frasi, le aspetto come commento in calce al post.
Piccola donna …crescerà.
newborn_feet_1902.jpg

3 Comments so far

  1. Amoy on luglio 11th, 2014

    This is one of your best works in my opinion! – and I wrote about you for my adeacnvd higher extended essay :)I wrote about you, Ian Faulkner and some other artist who I am in love with but for the life of me can’t remember his (or her) name… shame on me! Anyway thank you for helping me achieve an A in my adeacnvd higher! Much appreciated! :):)

  2. Pjuan on febbraio 26th, 2015

    Your art is so inspirational! It’s how you can show dalties I like about your drawings. Big impression… Which tools are your favourite to use? I would love to hang every drawing of yours in my house! 🙂

  3. Scott on aprile 1st, 2015

    wow this one is also amazing! i love the air of mysrtey around her and the excellent shading enhances it! like always i take my hat off to you :DCypriotchickcypriotchick.blogspot.com

Lascia un commento